ECONOMIA
  by  Published: giovedì 5 luglio 2018 17:25:40

Rifiuti, Uiltrasporti e Fit Cils chiedono confronto aperto e azione unitaria

i sindacati: “bisognerebbe rivedere il sistema della raccolta differenziata"
  • Rifiuti, Uiltrasporti e Fit Cisl chiedono azione unitaria e confronto
(AVInews) – Perugia, 5 lug. – Chiedono un’azione unitaria che “punti a questioni di merito, legate a politiche serie relative alla gestione dei rifiuti” Uiltrasporti e Fit Cilsl che parlano attraverso il loro segretari regionali dell’Umbria, rispettivamente Stefano Cecchetti e Gianluca Giorgi, a seguito di un comunicato di Fp Cgil, “sorprese di non essere state coinvolte”.
Per Uiltrasporti e Fit Cilsl “bisognerebbe rivedere il sistema della raccolta differenziata, oggi troppo costoso per l’utenza e troppo oberante per gli addetti, chiamati a un maggior lavoro di manovalanza che determina l’incremento di lavoratori inidonei alla mansione”.
“Auspichiamo – proseguono Cecchetti e Giorgio – che si apra un tavolo di discussione, da noi più volte richiesto, per tentare di cambiare le attuali politiche di raccolta e smaltimento cercando di renderle più redditizie sul piano dei risultati, guardando anche a qualche amministrazione lungimirante al di fuori dell’Umbria, che ha già adottato nuovi sistemi con ottimi risultati, come Firenze”. “Da tre mesi – spiegano Cecchetti e Giorgi – ci viene rifiutato dall’assessore regionale Fernanda Cecchini, che ha la responsabilità delle politiche ambientali e dei rifiuti, un incontro richiesto unitariamente da Cgil, Cisl e Uil confederali e di categoria. Una mancanza di dialogo con il sindacato che, qualora permanesse, potrebbe portare i lavoratori a protestare”.
Secondo Uiltrasporti e Fit Cilsl non serve in questo momento “’tirare la volata’ al tema dell’azienda unica regionale dei rifiuti che secondo noi, invece, va affrontato con le giuste cautele e con un approfondito confronto, in quanto coinvolge diversi interessi e rende necessario trovare le giuste tutele e garanzie degli addetti del settore”.
“Il tema dei rifiuti – hanno aggiunto Cecchetti e Giorgi – da chi governa la Regione è stato derubricato all’ultimo posto nella scala delle priorità con la conseguenza di stati di emergenza ogni due o tre mesi. I pronunciamenti sono solo per chiedere soldi e sacrifici ai cittadini, come avvenuto pochi giorni fa con le penali nei confronti di quei Comuni che, in forti difficoltà di bilancio e tesi a calmierare le tariffe nei confronti dei cittadini, non hanno risorse da spendere sul sistema di raccolta differenziata spinta che ha dei costi importanti”.
 


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
Nell’ambito del progetto ‘Futuro nel verde’ che si pone come obiettivo la green community. In dotazione per sei mesi, rinnovabili. Consegnate le chiavi al...
21/09/2018 - perugia
ECONOMIA
L’associazione regionale aderisce dal 2012 a Confimi industria e conta 500 imprese
15/09/2018 - perugia
ECONOMIA
A Pontenuovo investimenti per 14 milioni di euro. Realizzato quasi interamente da imprese umbre - Qui si concentrerà la produzione mangimistica, dai 15 ai...
11/09/2018 - Torgiano
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SPORT
La squadra perugina milita in serie A. Il campionato...
21/09/2018 - Perugia
EVENTI
Proseguono gli spettacoli western e domenica tutti in...
21/09/2018 - Perugia
ECONOMIA
Nell’ambito del progetto ‘Futuro nel verde’ che si pone...
21/09/2018 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
L’orticoltura urbana come veicolo d’integrazione e inclusione socio-economica dei migranti, nel tessuto sociale e...
21/09/2018 - Perugia
ico video
I Primi d'Italia, il Festival nazionale dei primi piatti, torna a Foligno dal 27 al 30 settembre e per l’occasione...
19/09/2018 - foligno