ECONOMIA
  by  Published: mercoledì 14 marzo 2018 16:18:09

L’Azerbaigian fa conoscere all’Umbria le opportunità per le imprese

Iniziativa promossa dalla rivista Scenari Internazionali con l’ambasciatore Ahmadzada. Venerdì 16 marzo, alle 16, al Sangallo Palace Hotel di Perugia, in via Masi 9

  • La città di baku
(AVInews) – Perugia, 14 mar. – Prosegue la serie di eventi e seminari organizzati dalla rivista Scenari Internazionali, finalizzati all’approfondimento della conoscenza di aree e regioni del mondo sempre più dinamiche sul piano economico, commerciale e infrastrutturale. Venerdì 16 marzo saranno le relazioni con l’Azerbaigian il tema centrale dell’incontro dal titolo ‘Italia-Azerbaigian: energia e non solo. Partnership strategica in evoluzione’, in programma al Sangallo Palace Hotel di Perugia, in via Masi 9, alle 16.

L’incontro con l’ambasciatore Ahmadzada. Il capoluogo umbro avrà l’onore di ospitare direttamente da Roma l’ambasciatore della Repubblica dell’Azerbaigian in Italia Mammad Ahmadzada e Manuela Traldi, presidente della Camera di commercio Italia-Azerbaigian (Itazercom). L’incontro, introdotto e moderato dal direttore responsabile di Scenari Internazionali Andrea Fais, vede anche la cortese partecipazione di Umbria Export, agenzia per l’export e l’internazionalizzazione di Confindustria Umbria, rappresentata per l’occasione dal direttore Enzo Faloci.

Parteniariato Italia-Azerbaigian. Con la Dichiarazione congiunta ratificata nel 2014 in occasione della visita a Roma del presidente azero Ilham Aliyev, Italia e Azerbaigian hanno definito il loro partenariato strategico bilaterale, completando un percorso di progressivo avvicinamento diplomatico, economico, commerciale e culturale iniziato nel 1992, circa un anno dopo la dichiarazione di indipendenza della nazione turcofona dall’Urss.

Il commento del direttore Fais. “Da tempo, ormai – spiega Fais –, il nostro Paese è saldamente in testa nella lista dei partner commerciali stranieri dell’Azerbaigian, superando persino Russia e Turchia. Questo è avvenuto per effetto dell’elevato import italiano di prodotti energetici dal Paese caucasico, ma non solo. In Azerbaigian, infatti, cresce a un ritmo impressionante il settore non-oil e, con esso, aumentano le opportunità per le nostre imprese di individuare nuove aree di investimento, mentre sullo sfondo internazionale procede a passo spedito il progetto Tap, che permetterà al nostro Paese, e più in generale all’Unione Europea, di diversificare le sue fonti energetiche”.


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
Il contratto scade il 31 dicembre 2019 e la proposta è valida per il quadriennio 2020-2023. Il segretario regionale Marcaccioli: necessario riequilibrare...
17/01/2019 - perugia
ECONOMIA
Il 2018 è stato positivo per tutti i settori: prosperano panificazione, mangimistica e molitoria - Nuovi marchi sul mercato della molitoria e mangimistica:...
17/01/2019 - Perugia
ECONOMIA
la convenzione è rivolta alle società che gestiscono attività sportive e culturali, per il rilascio di garanzie su mezzi propri e su fondi pubblici utili...
15/01/2019 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SOCIETÀ
Implementato da Connesi il servizio di...
22/01/2019 - recanati
SPORT
Venerdì 25 gennaio nella sede del Gruppo Grifo...
22/01/2019 - Perugia
EVENTI
La manifestazione è organizzata con il contributo del...
22/01/2019 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
Una manifestazione che coniuga sapientemente due tradizioni del territorio: i sapori, grazie ai prodotti di...
22/01/2019 - Perugia
ico video
Sono quasi novecento gli studenti quest’anno coinvolti nel progetto ‘In strada con sicurezza’ promosso dall’omonima...
22/01/2019 - Perugia