SOCIETÀ
  by  Published: giovedì 26 aprile 2018 15:03:07

Festa di Liberazione a Todi, una città e due manifestazioni il 25 aprile

Dopo polemiche per mancata concessione del patrocinio da parte del comune all’Anpi. La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini a entrambe le celebrazioni

  • Festa della Liberazione a Todi
(AVInews) – Todi, 24 apr. – Una città due manifestazione per un’unica ricorrenza. Potrebbe essere questa la sintesi delle celebrazioni per la festa della Liberazione tenutesi a Todi. Infatti, nella cittadina tuderte ci sono state due celebrazioni distinte: una istituzionale, organizzata dall’amministrazione comunale, e una ‘tradizionale’, organizzata dall’Anpi. Il motivo che ha spinto, per la prima volta, alla celebrazione separata è stato il mancato patrocinio del Comune alle celebrazioni organizzate, come sempre, dall’Associazione nazionale dei partigiani. Divisioni che hanno creato un clima non troppo idilliaco in città. Nei giorni scorsi per cercare di stemperare il clima e di ricomporre la frattura si erano mosse le istituzioni e gli ex sindaci con una lettera aperta al sindaco Ruggiano affinché ritornasse sui suoi passi e concedesse il patrocinio all’Anpi. Tentativo fallito e quindi due manifestazioni distinte. Anche se, è da sottolineare, i toni dei discorsi non sono stati aspri o duri. Il sindaco nel suo intervento si è detto “dispiaciuto per le polemiche, anche perché la festa del 25 aprile rappresenta e deve rappresentare la festa di tutti”.
La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, che ha partecipato ad entrambe le manifestazioni, nel suo intervento ha voluto sottolineare la centralità del 25 aprile per “riaffermare i valori che proprio grazie alla Liberazione sono stati alla base della scrittura della nostra ‘Carta costituzionale’, che non è semplicemente un insieme di norme, ma ci indica ogni giorno la ‘rotta’ che devono seguire l’Italia e gli italiani per mantenere sempre e costantemente vivi i principi di democrazia, libertà e uguaglianza. E soprattutto la devono seguire quanti rappresentano le istituzioni e le guidano”. Ma non è mancato, nel suo intervento, un accenno alla polemica che ha investito Todi. “Vorrei dire al sindaco e all’amministrazione comunale di Todi che non dobbiamo combattere solo i fascismi di ieri, perché – ha detto la presidente Marini – soprattutto chi sta nelle istituzioni deve combattere anche i fascismi di oggi”.
Al netto delle divisioni, tutto secondo il classico copione: deposizione di corone, squilli di tromba, inno nazionale, canti patriottici e cortei.

Agostino Marotti


ARTICOLI CORRELATI
SOCIETÀ
Incontro formativo con i medici della ‘scuola triestina’ per l’aggiornamento di pediatri - Venerdì 25 maggio alle 14.30 all’Istituto di formazione culturale...
22/05/2018 - Perugia
SOCIETÀ
Preoccupazione dei sindacati in merito alla complessa vertenza - “Assoluta priorità è salvaguardare la continuità produttiva e la piena occupazione”
22/05/2018 - Terni
SOCIETÀ
Nell’ambito del progetto Erasmus+ ‘Teaching for Tomorrow: Flipped Learning’. L’istituto perugino ha ospitato 22 professori per studiare l’uso di tecnologie...
18/05/2018 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
EVENTI
Molto apprezzato lo spettacolo di freestyle motocross e...
26/05/2018 - Bastia Umbra
SPORT
All’Umbriafiere eventi nell’evento tra spettacoli...
25/05/2018 - Bastia Umbra
ECONOMIA
La nuova disciplina impone all’imprenditore una grande...
25/05/2018 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
In occasione della manifestazione ‘Buongiorno ceramica’, il Comune di Deruta ha siglato un’intesa con...
25/05/2018 - Deruta
ico video
Bisogna ancora disputare i playoff, ma essendosi già aggiudicato 13 tappe, ben sette in più del secondo classificato...
25/05/2018 - Perugia