SOCIETÀ
  by  Published: giovedì 13 dicembre 2018 14:02:43

Donazioni sangue, Avis Umbria fa il punto: migliora l’utilizzo del sangue

Presentati il 13 dicembre a palazzo Donini i Calendari Barbanera 2019. Parte la campagna 2019 per il Plasma
  • La conferenza di Avis Umbria
  • I calendari Barbanera Avis
 
(Avi News) – Perugia, 13 dic. – ‘Donate il plasma’, al via la campagna ‘Va di moda il giallo. Distinguiti’ con cui l’Avis invita gli italiani a donare il plasma, prezioso per la cura dell’emofilia, le immunoglobuline (come quelle antitetano) e l’albumina, impiegata in alcune patologie del fegato e dei reni e di altre patologie. Ogni anno più di 800mila chilogrammi di plasma vengono inviati alle aziende farmaceutiche per la produzione di medicinali insostituibili nella cura di molte malattie. Secondo un’indagine Ipsos, i due terzi degli italiani associa la parola plasma al mondo del sangue, ma non sa qual è la differenza dal donare il sangue intero.
Il lancio dell’iniziativa si è svolta giovedì 13 dicembre a Perugia in concomitanza con la presentazione dei dati del 2018 sulle donazioni di sangue in Umbria e dei calendari Barbanera dedicati all’Avis. Presenti in conferenza stampa Andrea Marchini, presidente di Avis regionale Umbria, e il vicepresidente Francesco Petrelli, Maria Pia Fanciulli, capo redattore dell’Editoriale Campi e Loretta Rapporti dell’Ufficio regionale scolastico.
“Oltre due terzi degli italiani – ha esordito Marchini – associano in prima battuta la parola plasma al mondo del sangue, mentre solo il 16 per cento al televisore. Buon segno, anche se poi ben 4 italiani su 5 non sanno qual è la differenza tra la donazione di sangue intero e quella di plasma”. A confermarlo un sondaggio che l’Associazione volontari italiane del sangue ha commissionato a Ipsos per lanciare la prima campagna nazionale per la promozione della donazione del plasma. “La quantità di plasma conferita dalle Regioni alle aziende di plasmaderivazione nel 2017, 830.254 chilogrammi – ha proseguito Marchini –, è stata complessivamente superiore all’obiettivo nazionale previsto di 816.606 chilogrammi. Tutte le Regioni hanno raggiunto gli obiettivi di produzione del plasma da destinare al frazionamento industriale a eccezione di Basilicata, Umbria e Valle d’Aosta. In Umbria, nei primi dieci mesi del 2018, l’azienda ospedaliera di Perugia si è fatto carico del 53 per cento delle attività di raccolta, mentre l’azienda ospedaliera di Terni per il 7 per cento, la Usl 1 per il 17 per cento e la Usl 2 per il 23 per cento. Abbiamo bisogno sempre più di volontari e di donazioni programmate e pianificate, che vadano realmente incontro ai bisogni trasfusionali dei nostri ammalati. Le principali cause del calo donazionale dipendono dal quadro demografico con l’aumento della popolazione anziana e il minor numero di giovani che non garantiscono un adeguato turn-over”.
Non va meglio per la raccolta del sangue: il Piano nazionale prevede per l’Umbria, per l’anno 2018, un aumento del 2 per cento rispetto al 2017 con una raccolta di 41.500 sacche ma si arriverà appena a 40.000 pari a un meno 3 per cento. L’Umbria al 31 ottobre 2018 presenta un meno 11,4 per cento rispetto al 2017. “Occorre che le Aziende – ha commentato Marchini – si dotino con urgenza delle macchine e del personale necessario perché sia gli obiettivi posti dal Piano nazionale che quelli del Piano regionale siano raggiunti con evidente e notevole vantaggio, anche economico-finanziario, per l’ente Regione che oggi impegna risorse per l’acquisto di farmaci plasmaderivati prodotti dalle case farmaceutiche; a tale impegno deve seguire quello di prevedere apposite sedute, anche pomeridiane, per la plasmaferesi”.
Il 17 dicembre è prevista una seduta del Centro regionale sangue per un esame approfondito delle risultanti del Piano regionale sangue e plasma la cui efficacia termina quest’anno.
“Quest’anno – ha dichiarato Maria Pia Fanciulli – insieme ai calendari l’Avis regionale Umbria è stata accolta anche negli almanacchi. Il connubio tra Avis e Campi risale al 1991, la sostenibilità ambientale, sociale e umanitaria è il nostro credo editoriale”. Il Corriere dell’Umbria da sabato 15 dicembre distribuirà gratuitamente i calendari su tutto il territorio regionale. Un contatto diretto con i donatori per una maggiore fidelizzazione.
L’Ufficio scolastico regionale ha ringraziato l’Avis per la vincente sinergia con la scuola sulla responsabilizzazione e consapevolezza per le competenze civiche e di cittadinanza.
“Sono d’accordo sull’unione d’intenti – ha detto Rapporti –. Raggiungere il fine della diffusione dei principi sociali rende la società migliore”


ARTICOLI CORRELATI
SOCIETÀ
Alla prima giornata oltre 700 docenti ed educatori di tutta la provincia di Perugia. Percorso voluto dalla Regione Umbria, organizzato coordinato da Anci Umbria
19/01/2019 - perugia
SOCIETÀ
Un primo bilancio dell’iniziativa comunale realizzata dall’azienda umbra Connesi spa - Cerimonia e presentazione lunedì 21 gennaio alle 18 nell’aula magna...
18/01/2019 - Recanati
SOCIETÀ
Progetto scolastico con attività in aula e in strada promosso dall’omonima associazione. Coinvolti novecento studenti degli istituti superiori di Gubbio,...
15/01/2019 - perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SPORT
In casa i più giovani affrontano Pesaro Rugby, gli altri...
19/01/2019 - perugia
SPORT
Domenica 20 gennaio al PalaBarton arriva Delta...
19/01/2019
SOCIETÀ
Alla prima giornata oltre 700 docenti ed educatori di...
19/01/2019 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
In occasione della presentazione del progetto ‘In strada con sicurezza’ 2019, l’architetto Maurizio Coppo, esperto...
18/01/2019 - Perugia
ico video
[FOCUS AZIENDE] Una cooperativa agricola, la Molini Popolari Riuniti, che cresce nonostante la crisi. Di questo,...
18/01/2019 - Perugia